fbpx
“Telefonare all’aldilà” di Claudio Colombi

Il cugino di Itaru Sasaki morì improvvisamente nel 2010.

Il rapporto fra loro era molto stretto e la prematura scomparsa aveva lasciato frasi non dette, sentimenti non palesati.

Itaru, alla ricerca di conforto, decise di installare nel suo giardino, a Otsuchi nel nord est del Giappone, una cabina telefonica collegata con l’aldilà.

Quando sentiva il bisogno di raccogliersi e comunicare con il cugino si chiudeva nella cabina, posizionata di fronte all’oceano, e componeva il numero del cugino.

Parlava con lui, gli confidava segreti e paure.

L’11 marzo del 2011 ci fu il terribile Tsunami che uccise migliaia di persone. Famiglie distrutte, madri che avevano perso figli: milioni e milioni di parole non dette si libravano nell’aria.

A qualcuno venne in mente la cabina telefonica del buon Itaru Sasaki.

Fu così che, piano piano, iniziò il pellegrinaggio. Le persone si recavano a casa dell’uomo e gli chiedevano di potere usare la sua cabina telefonica.

– Posso fare una telefonata a mia sorella? Volevo dirle che le è nata una nipotina.–

– Oggi è il compleanno di mio figlio, vorrei fargli gli auguri.–

– Mio padre mi portava sempre con sé a pescare, voglio dirgli della medaglia che ho vinto.–

Il vecchio telefono a disco di Itaru continua a girare affidando parole e sentimenti all’etere.

Claudio Colombi. Autore del libro La Bibbia di Kolbrin”